Archivio News

Archivio News

Pino Daniele

Omaggio a Pino Daniele

Nessun commento

Sono cresciuto da bambino con i tuoi dischi. La tua musica e i tuoi versi sono stati il riscatto di una città intera…quella dei miei genitori… e grazie a te ho capito subito e meglio la loro storia e quella di un’intera generazione, costretta a cercare altrove il futuro.

Cantavi nel tuo primo album, nel brano O Padrone…. “Napule è comme ‘na vota, ma nuje dicimmo ca adda cagnà”. E tu hai cambiato la musica.
Stamattina nel mio studio ho aperto il pianoforte e ho pensato che, quando nel 1979 uscì “Chi tene ‘o mare”, nella musica, non solo italiana, fosse arrivata come una grande luce.

Chi tene ‘o mare
Cammina ca ‘a vocca salata
Chi tene ‘o mare
O ssape ca è fesso e cuntento
Chi tene ‘o mare o ssaje
Nun tene niente

Queste sono le tue note eterne, come ti dissi questa estate, quando mi regalasti un’ora di confidenze e stimoli per la mia scrittura musicale, con una generosità che solo i veri grandi hanno.

Questi sono gli Artisti, che – come disse Alberto Moravia per il poeta Pierpaolo Pasolini, il giorno del suo funerale – ne nasce uno, forse, ogni cento anni.

Have your say